PDA

Visualizza versione completa : Wireless, onde radio, e bambini. Come lo usate?


Sido
17-03-2011, 18:34
E' un problema che mi pongo con i miei piccoli 2 e 5 anni.
E' noto che l'attività cerebrale e plastica dei bambini è maggiore, per il processo di milelinizzazione, che si ha nei primi anni.
Questo porta ad una maggiore attività elettrica (cosi ho sentito dire , non so spiegarmi meglio) che porterebbe il tessuto cerebrale ad essere un pelino più sensibile alle onde radio.
Ho sentito vari pareri, la maggiorparte concorda nel ritenere assai poco rilevante l'uso in casa di onde radio quali router wireless telefonini ecc..
Ok ma io comunque per non saper ne leggere ne scrivere limito l'attività del mio modem wireless il meno possibile spegnendolo alla notte e quando vado al lavoro.
Per gli interessati: voi come fate? Che sia eccessiva la mia preoccupazione?

Andytpks
17-03-2011, 18:46
Uso i dispositivi wireless per complottare il sistema.

-spepio-
17-03-2011, 18:51
questo dovrebbe proteggere fino alla nuca
http://www.softairgun.eu/images/FOTO/Elmi_Armature/elmo_sparta.jpg

allo stesso tempo rende i bambini facilmente riconoscibili all'uscita scuola
il colore della cresta è personalizzabile

SPILLOALEX
17-03-2011, 18:53
E' un problema che mi pongo con i miei piccoli 2 e 5 anni.
E' noto che l'attività cerebrale e plastica dei bambini è maggiore, per il processo di milelinizzazione, che si ha nei primi anni.
Questo porta ad una maggiore attività elettrica (cosi ho sentito dire , non so spiegarmi meglio) che porterebbe il tessuto cerebrale ad essere un pelino più sensibile alle onde radio.
Ho sentito vari pareri, la maggiorparte concorda nel ritenere assai poco rilevante l'uso in casa di onde radio quali router wireless telefonini ecc..
Ok ma io comunque per non saper ne leggere ne scrivere limito l'attività del mio modem wireless il meno possibile spegnendolo alla notte e quando vado al lavoro.
Per gli interessati: voi come fate? Che sia eccessiva la mia preoccupazione?

Ciao.:ciao: ho una bimba di 9 mesi:new: e condivido in pieno quello che scrivi.:ok: Ho 2 PC ma ne colego alla rete uno solo tramite USB, niente WiFi, Bluetooth, cerco di limitare al minimo tutte le onde elettromagnetiche. Ho evitato anche di farmi regalare quei monitor che dovrebbero servire per contollare il neonato a distanza. Secondo fai benissimo meno onde radio ci sono meglio è:ciao:

deal2004
17-03-2011, 18:55
Ieri ho cercato di collegarmi alla mia rete wifi casalinga.
Me ne sono saltate fuori DODICI! Ormai viviamo immersi nelle onde radio, volenti o nolenti.
E temo proprio che tanto bene non facciano...

francesco1972
17-03-2011, 18:55
E' un problema che mi pongo con i miei piccoli 2 e 5 anni.
E' noto che l'attività cerebrale e plastica dei bambini è maggiore, per il processo di milelinizzazione, che si ha nei primi anni.
Questo porta ad una maggiore attività elettrica (cosi ho sentito dire , non so spiegarmi meglio) che porterebbe il tessuto cerebrale ad essere un pelino più sensibile alle onde radio.
Ho sentito vari pareri, la maggiorparte concorda nel ritenere assai poco rilevante l'uso in casa di onde radio quali router wireless telefonini ecc..
Ok ma io comunque per non saper ne leggere ne scrivere limito l'attività del mio modem wireless il meno possibile spegnendolo alla notte e quando vado al lavoro.
Per gli interessati: voi come fate? Che sia eccessiva la mia preoccupazione?

non ti porre troppi problemi c'e' ben peggio, quando dormono per 8-10 ore sono costantemente sottoposti ai 50hz della 220v....e quella e' un altra "bomba"


comunque leggevo che gia' a 3 metri dal router i problemi diminuiscono, se vuoi eliminarlo completamente ci sono dei trasmettitori che sfruttano l'impianto elettrico per trasferire i dati

-spepio-
17-03-2011, 18:58
comunque anchio, se avessi bambini, mi porrei dei quesiti

limitare il wifi è una buona idea... ma ormai siamo davvero bombardati anche dai vicini

dentro casa mia rilevo perennemente 4 o 5 reti wifi accese in ogni momento... anche di notte

almeno io il router lo stacco quando non lo uso, mannaggia a loro!!!

C.A.
17-03-2011, 19:17
non ti porre troppi problemi c'e' ben peggio, quando dormono per 8-10 ore sono costantemente sottoposti ai 50hz della 220v....e quella e' un altra "bomba"



Ecco, questo è un vero paradosso.

Delle onde radio tramesse da una antenna nelle vicinanze fatte apposta per trasmettere (questi sono i dispositivi wireless) sono trascurabili. Mentre un campo elettrico debolissimo a bassa frequenza sarebbe una "bomba".

:rolleyes:

francesco1972
17-03-2011, 20:34
Ecco, questo è un vero paradosso.

Delle onde radio tramesse da una antenna nelle vicinanze fatte apposta per trasmettere (questi sono i dispositivi wireless) sono trascurabili. Mentre un campo elettrico debolissimo a bassa frequenza sarebbe una "bomba".

:rolleyes:


ho scritto un altra

Nokienzo
17-03-2011, 23:05
ma soprattutto non fare la c@zz@ta di comprare un cell ai bambini (non prima dei 18 anni) perchè iperapprensivo/a e poi aver paura che le onde fanno male !!!

Giorgio.Tomelleri
18-03-2011, 11:30
Non credo che il router WiFi domestico, costituisca un pericolo per i bimbi, contribuisce, in misura minimo ad incrementare l'elettrosmog interno alla casa , fermo restando che quando sono all'aperto sono avvolti da una più elevata concentrazione di elettrosmog.
Prima di andare a dormire, io spengo il roter, nonchè TV, Videregistratore, Home-Theatre ecc., pur non avendo bimbi, fa risparmiare soldi, C02 e iduce l'elettrosmog.

meganico
18-03-2011, 12:08
Se credete che le onde elettromagnetiche di 4 cellulari, 2 WiFi, un sistema di allarme con 10 sensori e due sirene, e un'antenna a 2 Km da casa siano pericolose per la salute umana, vuol dire che credete a tuttta la fuffa che raccontano i giornali.

Come quando nel 1980 si diceva che i raggi del tubo catodico facevano male ai bambini....


E mentre spegnete le apparecchiature per salvaguardare la salute dei vostri piccoli, che giocano in un pavimento lavato con il lisoform , gli date da mangiare omogeneizzati fatti con gli scarti di produzione di chissà quale ditta sita in chissà quale parte del mondo.

kin74
18-03-2011, 12:30
Onde tv, cellulari, linee elettriche, wifi dei vicini... se questa roba fa male, non sarà certo la TUA wireless a creare problemi.

Sido
18-03-2011, 13:04
Concordo su tutto.

-spepio-
18-03-2011, 13:09
Concordo su tutto.
il fatto è che è stato detto tutto e il contrario di tutto

sei particolarmente salomonico
:fagiano:

paperobianco
18-03-2011, 13:15
pero' ha un avatar notevole :ok:

-spepio-
18-03-2011, 13:18
:fagiano:
http://www.youtube.com/watch?v=S3L0VzmNGsQ

C.A.
18-03-2011, 13:37
Come quando nel 1980 si diceva che i raggi del tubo catodico facevano male ai bambini....



In effetti il tubo catodico a colori (per via della maschera forata) era una sorgente di raggi X. Tuttavia lo spesso vetro frontale al piombo ne limitava la emissione a valori convenzionali ritenuti non pericolosi. Certo l'occhio vicino allo schermo forse era da evitare.

In ogni caso in diverse famiglie è stato un pretesto per non spendere soldi per la tv a colori e tenere qualla in bianco e nero!

pitrio
18-03-2011, 14:48
ma i tralicci della corrente??

moresco
18-03-2011, 16:35
ho una bimba di tre anni e uso pochissimo il wifi perchè essendo ignorante in materia di elettrosmog ho paura delle conseguenze su di lei, se posso vado al pc fisso così non accendo il wifi (comunque ogni tanto lo accendo).... però effettivamente anche nel mio condominio quando faccio una ricerca delle reti ne trovo a decine. Ma dico io a qualsiasi ora del giorno e della notte, caxxo almeno di notte spegnessero tutto!

kin74
18-03-2011, 16:52
Il modem wifi si lascia tipicamente sempre acceso proprio per poter accedere alla rete in qualunque momento con dispositivi mobili (telefoni, tablet, pc portatili...).

E poi se spegni il wifi per paura delle onde, per coerenza dovresti spegnere anche il cellulare. O la più vicina antenna trasmittente. :)

Sorex poliphonicus
18-03-2011, 17:27
prima era l'etacs, poi il gsm900, poi gsm1800, poi l'umts, ora il wireless del modem...

la prossima?


(però tutti vanno al mare a rosolarsi al sole...)

moresco
18-03-2011, 18:12
Il modem wifi si lascia tipicamente sempre acceso proprio per poter accedere alla rete in qualunque momento con dispositivi mobili (telefoni, tablet, pc portatili...).

E poi se spegni il wifi per paura delle onde, per coerenza dovresti spegnere anche il cellulare. O la più vicina antenna trasmittente. :)
si ma alle 5 del mattino che accedi...

moresco
18-03-2011, 18:13
prima era l'etacs, poi il gsm900, poi gsm1800, poi l'umts, ora il wireless del modem...

la prossima?


(però tutti vanno al mare a rosolarsi al sole...)
adesso sono più tranquillo, grazie ;)

kin74
18-03-2011, 21:04
si ma alle 5 del mattino che accedi...
Nessuno, è solo per evitare la seccatura di trovarlo spento quando serve.

Giorgio.Tomelleri
20-03-2011, 20:42
Nessuno, è solo per evitare la seccatura di trovarlo spento quando serve.
Ormai ci ho preso l'abitudine, spengo tutto quando vado a dormire e riaccendo al rientro dal lavoro.

meganico
20-03-2011, 20:46
NESSUNO, dico NESSUNO ha mai dimostrato la PERICOLOSITA' delle onde elettromagnetiche.

POCHI di voi sanno che da decenni ne siamo sommersi anche senza avere un cellulare o un WiFi in casa.

Insomma, vivete la vita senza tante paranoie.

aerospace87
20-03-2011, 20:53
Spegnerlo di notte è una buona abitudine, credo si prolunghi anche la vita del dispositivo così facendo.

Sido
20-03-2011, 20:58
il fatto è che è stato detto tutto e il contrario di tutto

sei particolarmente salomonico
:fagiano:
Il punto è proprio questo: si puo dire il contrario e l'esatto opposto, se leggi la letteratura scientifica , medica, non si è espressa chiaramente dicendo appunto tutto e il contrario.
Forse si puo dire che la maggiorparte della letteratura sarebbe orientata nel dire che le onde radio prodotte da sti dispositivi wireless non sono pericolose se tenute a debita distanza dal tessuto cerebrale.
Il problema è chi commissiona questi studi? Sono le stesse Aziende ? Certo non vorrei creare confusione ma solo dare qualche spunto di riflessione e chi ne sa di più si faccia avanti.

Giorgio.Tomelleri
20-03-2011, 20:59
NESSUNO, dico NESSUNO ha mai dimostrato la PERICOLOSITA' delle onde elettromagnetiche.

POCHI di voi sanno che da decenni ne siamo sommersi anche senza avere un cellulare o un WiFi in casa.

Insomma, vivete la vita senza tante paranoie.
Secondo la pubblicità degli aggeggi che spengono gli apparecchi in stand-by, di risprmiano fino a 39 euro l'anno di corrente, per ogni apparato: tv + home theatre + videoregistratore + wifi + decoder fanno in tutto 195 euro l'anno.
Considerato che per farlo, premo un unico interruttore della ciabatta, cui sono collegati, fosse anche un quarto della cifra ne vale comunque la pena.
Se le onde elettromagnetiche sono innocue, le "non onde" lo sono ancor di più!

Sorex poliphonicus
20-03-2011, 21:01
più che onde elettromagnetiche è meglio parlare di onde radio, perchè sono onde elettromagnetiche anche i raggi ultravioletti, i raggi X, i raggi gamma e queste sono radiazioni elettromagnetiche ionizzanti che proprio innocui non sono, poi dipende dalla dose, ma pososno essere potenzialmente anche letali.

c'è da dire che come per lo studio della radioattività, sono almeno 100 anni che si conoscono le onde radio, maneggiate a tutte le frequenze e tutte le potenze, e in effetti non sono noti effetti dannosi a carico delle onde radio, cosa che non si può dire nella storia degli studiosi e dei primi utlizzatori es della radiattività o delle radiazioni ionizzanti.

meganico
20-03-2011, 21:01
195€ all'anno per la briga di dover spegnere e accendere sempre tutto, con le inevitabili perdite di alcune impostazioni di decoder e TV, non vale la pena, lascio tutto acceso e amen.

Sido
20-03-2011, 21:06
più che onde elettromagnetiche è meglio parlare di onde radio, perchè sono onde elettromagnetiche anche i raggi ultravioletti, i raggi X, i raggi gamma e queste sono radiazioni elettromagnetiche ionizzanti che proprio innocui non sono, poi dipende dalla dose, ma pososno essere potenzialmente anche letali.

c'è da dire che come per lo studio della radioattività, sono almeno 100 anni che si conoscono le onde radio, maneggiate a tutte le frequenze e tutte le potenze, e in effetti non sono noti effetti dannosi a carico delle onde radio, cosa che non si può dire nella storia degli studiosi e dei primi utlizzatori es della radiattività o delle radiazioni ionizzanti.
Non dimenticare che ad un Paziente affetto da una lesione espansiva benigna del nervo acustico , che usava tantissimo il cellulare per lavoro, è stata riconosciuta (e risarcita) la malattia sulla base di una relazione di causa ed effetto.

meganico
20-03-2011, 21:08
Non dimenticare che ad un Paziente affetto da una lesione espansiva benigna del nervo acustico , che usava tantissimo il cellulare per lavoro, è stata riconosciuta (e risarcita) la malattia sulla base di una relazione di causa ed effetto.

questo non conferma niente, solo scelte e credenze di chi giudica.

alexF4ever
20-03-2011, 21:08
ciao, in casa mia non ci sono bambini piccoli, però spegniamo tutto ugualmente. al piano di sotto in salotto abbiamo comprato un cordless ECO, che essendo sempre risposto nella base non dovrebbe emettere radiazioni elettromagnetiche. poi la tv, decoder, dvd, wii, videoregistratore ecc sono tutti collegati ad una ciabatta e di notte staccandola si spegne tutto. al piano di sopra io ho il modem wireless proprio in camera mia a meno di 1 metro dal letto. la notte anche qua spengo la ciabatta e così facendo si spengono router, cordless, pc, schermo, dvd, tv ecc. è tutto collegato tramite quella ciabatta. non so se le onde elettromagnetiche facciano male, so solo che finchè non verrà dimostrato il contrario io spegnerò tutto quando non lo uso. ovviamente anche i cellulari sono spenti la notte :)

Sorex poliphonicus
20-03-2011, 21:15
Non dimenticare che ad un Paziente affetto da una lesione espansiva benigna del nervo acustico , che usava tantissimo il cellulare per lavoro, è stata riconosciuta (e risarcita) la malattia sulla base di una relazione di causa ed effetto.
non è che dimotico, è che non lo sapevo.
ma tu mi parli di tribunali, leggi e assicurazioni, e soprattutto di un singolo paziente.

ma la scienza non si fa con l'osservazione di singoli casi. al massimo questi possono essere lo spunto per la ricerca, ma al momento radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti non sono riconosciute dannoso.

Gyves
20-03-2011, 21:17
magari poi vivete in città dove ogni respiro è una boccata di salute :)

Giorgio.Tomelleri
20-03-2011, 21:19
195€ all'anno per la briga di dover spegnere e accendere sempre tutto, con le inevitabili perdite di alcune impostazioni di decoder e TV, non vale la pena, lascio tutto acceso e amen.
In realtà è un solo interruttore che spegne e riaccende tutto, ed il decoder non perde le impostazioni, poi ognuno fa le sue valutazioni.
C'è chi, per risparmiare pochi euro del pieno, si mette in coda al sel- service più economico, cosa che a me pesa enormemente, e quindi non faccio. Mentre , come premo quello delle scale, del portoncino, del telecomando del garage e di quello dell'auto, premo volentieri anche quello della ciabatta.

Sido
20-03-2011, 21:24
non è che dimotico, è che non lo sapevo.
ma tu mi parli di tribunali, leggi e assicurazioni, e soprattutto di un singolo paziente.

ma la scienza non si fa con l'osservazione di singoli casi. al massimo questi possono essere lo spunto per la ricerca, ma al momento radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti non sono riconosciute dannoso.
Certo, però, per emettere una sentenza di questo tipo son passati fior fiori di Tecnici, medici e non, che hanno studiato il problema e riletto la letteratura in merito; per arrivare a quel verdetto vuol dire che c'è qualcosa di più di un singolo caso.

moresco
20-03-2011, 21:32
vabbè ragazzi ma qui si parla di bambini piccoli, un padre di coscienza penso che questa domanda sulla pericolosità o meno se la fa e basta, a maggior ragione che niente è dimostrato. sull'effetto su di me che ho il cannone wifi ad 1mt me ne infischio ma sui pargoli....

Sorex poliphonicus
21-03-2011, 03:38
sido, non penso sia l'unica persona con quella patologia, e oggi è facile trovare una persona con qualunque patologia e grande utilizzatrice di cellulare, perchè più o meno tutti fanno grande uso del cellulare.

se così fosse (cioè dimostrata la pericolosità) non capisco perchè non venga fatta chiarezza: sulle sigarette c'è scritto chiaramente che fanno male, eppure si continua a comprarle.

cacone
21-03-2011, 06:48
e chi ha la vodafone station? quella sono obbligato a tenerla sempre accesa se non non funziona il telefono.

Sorex poliphonicus
21-03-2011, 09:32
...sti comunisti consumisti inquinatori!

Giorgio.Tomelleri
21-03-2011, 11:45
sido, non penso sia l'unica persona con quella patologia, e oggi è facile trovare una persona con qualunque patologia e grande utilizzatrice di cellulare, perchè più o meno tutti fanno grande uso del cellulare.

se così fosse (cioè dimostrata la pericolosità) non capisco perchè non venga fatta chiarezza: sulle sigarette c'è scritto chiaramente che fanno male, eppure si continua a comprarle.
Credo che fra chi fa o riceve 4/5 chiamate al giorno, sia "esposto" meno di chi lo utilizza per 30/40 o più.
Così come ci sono i non fumatori, che hanno smesso di comprare le sigarette, potrebbero esserci "i non cellulatori" che smettono di usarlo.
Io l'ho scordato a casa, un'intera giornata, e non sono morto ne io, ne chi mi ha cercato, oltretutto da quasi 3 anni, non effettuo più la "pronda disponibilità", perché lavoro in una struttura in cui si fanno i turni, per cui potrei anche farne a meno, se risultasse dannoso veramente.