PDA

Visualizza versione completa : CAMBIALE,,,,problemaccio


apellefigliodapollo
16-08-2005, 17:19
Spero che qui dentro ci sia un avvocato (vero) che possa aiutarmi.

Qualche settimana fa ho accettato una cambiale a saldo di una prestazione professionale. La sera stessa la porto in banca, il cassiere la guarda e mi dice che è tutto ok.
Stamattina la porto in banca x lo sconto ed il cassiere s'accorge che l'importo dei bolli (che dovrebbe essere il 12 per mille) è insufficiente rispetto all'importo della cambiale, e che quindi non me la sconta.
Scemo io ad accettare una cambiale e demente lui a non essersene accorto la prima volta...
Il problema è: ora che posso fare? La cambiale è nulla e dico addio alla grana? Posso protestarla?
Come posso fare (se possibile) a far pagare il furbone?

Grazie

claudio234

Al2
16-08-2005, 19:46
in questo caso la cambiale non è proprio nulla, ma è inefficace come titolo esecutivo
significa che non puoi protestare né iniziare l'azione esecutiva immediatamente (pignoramento)
però puoi sempre agire contro il debitore nelle vie ordinarie
a tale proposito devi avvalerti di un avvocato che sicuramente procederà chiedendo un decreto ingiuntivo al Tribunale sulla base della cambiale, che equivale ad una scrittura privata ricognitiva del debito

una volta ottenuto il decreto ingiuntivo e scaduto il termine di legge senza opposizione del debitore, potrai iniziare l'azione esecutiva

Infatuation

apellefigliodapollo
16-08-2005, 20:15
Come sospettavo, mi tocca andare dall'avvocato.
Grazie!

claudio234

sismachine
17-08-2005, 00:12
Puoi provare a chiamare il cliente e farti sottoscrivere un nuovo effetto, oppure se hai un amico in posta puoi chiedere un favore a lui.

Oppure se il cliente si rifiuta di firmare la nuova cambiale ne firma una tu al posto suo e la mandi all'incasso, se ne parla fra 10 anni con perizie calligrafiche e quant'altro. ;)

apellefigliodapollo
17-08-2005, 09:55
quote:una volta ottenuto il decreto ingiuntivo e scaduto il termine di legge senza opposizione del debitore

e se il debitore si oppone che succede? Si inizia una normale causa civile?

claudio234

Al2
17-08-2005, 12:23
Si inizia una causa ordinaria. Se però il Giudice ha emesso il decreto ingiuntivo in forma esecutiva (devi dimostrare che c'è pericolo nel ritardo del pagamento), potresti iniziare immediatamente l'esecuzione,.


sis, spero tu stia scherzando....

Infatuation

apellefigliodapollo
17-08-2005, 15:57
Grazie.
Spero che l'avvocato non mi spenni!!!

I consigli di sismachine li ho saltati in tronco. Non mi piacciono i giochetti da "furbi"

claudio234

sismachine
17-08-2005, 23:42
:D
Rido perchè il "furbo" è il tuo cliente che ti ha rifilato una cambiale non corretta e, se prenderai i soldi, passara diverso tempo.

quote:Puoi provare a chiamare il cliente e farti sottoscrivere un nuovo effetto
E questo non mi sembrava un consiglio "furbo", per inciso...

Al2
18-08-2005, 02:18
ovviamente, l'avvocato (o se preferisci tu stesso)invierà al debitore un sollecito chiedendo il pagamento o la sottoscrizione di un nuovo effetto.
non l'ho detto perché mi sembrava scontato; un tentativo bonario si fa sempre.

Infatuation

sismachine
18-08-2005, 02:31
Al in relazione alla firma falsa sull'effetto scherzavo certamente (vedi l'occhiolino), per il resto una telefonata bonaria non costa nulla e l'idea dell'amico in posta che ti timbra i bolli anche se l'effetto è già firmato non è mia, non è nuova e la ho vista usare non più di 40 giorni fa.

re.cecco
18-08-2005, 08:18
Apelle, scusami l'impertinenza.

Ti definisci commercialista e ti fai rifilare una cambiale irregolare. Probabilmente cerchi di metterla all'incasso e, invece, parli di "sonto" che è una cosa diversa, chi ti ha rifilato la cambiale "farlocca" non sarà mica un cliente scontento?

re.cecco

apellefigliodapollo
18-08-2005, 10:30
L'ho portata in banca prima della scadenza, quindi la banca me la "sconta": mi da una cifra pari all'importo nominale della cambiale, scontata (meno) ad un certo tasso d'interesse.
In ogni caso sarei stato responsabile in via di regresso nei confronti della banca, se il debitore non avesse pagato.
Quello che mi scoccia è che avevo portato a far vedere l'effetto ( il primo che m'è capitato di vedere in 6 anni) alla mia banca il giorno della firma, e m'avevano detto che era a posto. Salvo poi accorgersi dell'errore la volta successiva.

Visto che il soggetto in questione (il debitore) si nega da qualche giorno al telefono, mi pare logico che non sia proprio propenso a firmarmi un altro effetto. Come se non ci avessi già pensato.
Partirò con l'avviso bonario, se glissa vado dall'avvocato.

P.s. il debitore in questione è un cliente di vecchia data. Mi sono fidato. Errore mio, come già detto, ma se si fosse trattato di uno sconosciuto non sarebbe successo.
claudio234

Modificato da - apellefigliodapollo il 18/08/2005 10.33.37