PDA

Visualizza versione completa : il nome della rosa


andrebest
07-10-2006, 18:44
ciao a tutti! Ultimamente ho rivisto il film IL NOME DELLA ROSA e sono di nuovo rimasto affascinato dall'abbazia medievale dove hanno girato il film. Sapete dove si trova nella realtà questo castello? In italia? Dove? Sarei molto interessato a visitarlo!

Chris Solskjaer
07-10-2006, 18:52
Se leggerai il romanzo,vedrai che sarà ancora meglio del film !!!!

gabriella
07-10-2006, 18:53
:boh: Purtroppo pare sia stata completamente costruita a cinecittà, praticamente il luogo non esiste, in rete ho trovato questa nota:


Il celebre romanzo "Il nome della rosa" è ambientato in una immaginaria abbazia medievale edificata in una zona montuosa dalla quale si vede il mare. Padre Guglielmo da Baskerville stava viaggiando da Pomposa e Bobbio (sede di importantissime abbazie vere) verso la Francia; l'abbazia immaginaria sembrerebbe quindi trovarsi da qualche parte lungo lo spartiacque ligure: luoghi rocciosi si trovano in particolare nell'alta val d'Aveto e nella zona delle Capanne di Marcarolo (appena a ovest delle Quattro Province), ipotesi quest'ultima rafforzata dalla vicinanza ad Alessandria, città natale di Eco.

mondor
07-10-2006, 18:53
Il nome della rosa (1986) è stato girato solo in minima parte "dal vero". Se si eccettuano i suggestivi ambienti di Kloster Eberbach, in Germania, che sono stati utilizzati per le scene che si svolgono all'interno della chiesa, il resto delle scene è stato girato ricostruendo gli interni e gli esterni dell'abbazia - con effettivo realismo e estrema cura dei particolari - negli studi di Cinecittà, a Roma.

Chris Solskjaer
07-10-2006, 18:57
I protagonisti o le locazione dei romanzi di Umberto Eco,spesso sono dei suoi luoghi d'origine ( Piemonte,alessandrino,monferrato)

Da quello che ho potuto capire leggendo il libro,è un luogo situato tra il confine delle regioni Piemonte e Liguria e non molto distante dal confine con la Francia.
Infatti in certi passi diceva che l'abbazia non era molto distante dal mare e nemmeno molto dall Alpi, quindi facendo 2 + 2 ....

Canapone
07-10-2006, 19:50
deve essere la zona della provincia di Cuneo allora
ma allora tenete conto che la Contea di Nizza era considerata Italia

stenbock
07-10-2006, 20:18
è semplicemente fantastico quando fa la descrizione del cavallo scappato senza averlo mai visto, ma semplicemente notando i particolari lungo la strada e sui i cespugli che la costeggiano.

Chris Solskjaer
07-10-2006, 20:39
Ne Il Nome della Rosa ci sono passi da pura Antologia della Letteratura Italiana....

oregon
07-10-2006, 21:03
"maestro
come usciremo da quest'incendio?"

"non senza difficoltà
figliolo..."

andrebest
07-10-2006, 23:26
bellissimo anche il libro, davvero! peccato pero non sapere se questo monastero esista o meno! cerco ancora in rete...vi ringrazio!! :fuori:



star rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus :shock:

mondor
08-10-2006, 02:19
nun esiste
l'hanno rifatto a cinecittà...

sia io che gabriella te l'abbiamo scritto :contratto:

solo gli interni sono stati girati in una chiesa vera (Kloster Eberbach in germania) http://www.klostereberbach.de/

mondor
08-10-2006, 02:21
Comunque se non ti fidi qui c'è un'intervista fatta al regista (reperibile sul suo sito: http://www.jjannaud.com/Ajja.htm) dove spiega tutto:


• Why did you build this wonderful film set, which is known as the most important built outdoors since Cleopatra's.

It is true that this may sound strange when you consider how many monasteries there are in Europe. Nevertheless, none of these monasteries can be found in their original state. If, for one reason or another, the monasteries had been economically successful, they have now been transformed and buildings have been built around. If, on the other hand, the monasteries had been less successful, their present day state is one of ruin or one of modern day restoration.
Let's imagine that the abbey described by Eco exists -The abbey and its impressive tower would have to include a labyrinth ­ I doubt that the National Heritage would allow me to burn and destroy the abbey!

• Weren't the location shots in Eberbach suitable?

No, because the monastery is built on flat land and I was looking for a cliff.

• You chose to build this film set in Italy…

Yes, because Rome, together with London, is one of the places where the technicians are most skilled. France was written off for financial problems.

•Where was it exactly?

At a preserved site, 20 minutes from Rome. One day I saw a quarry, a cliff and a ruin. This gave a suitable impression of being on a peak. Dante Ferretti thought it was perfect. Gérard Morin, the production director obtained the authorisation from the owner who was paid duefully and we were able to begin.

The other very important advantage was that we remained in the area, which avoided multiplying the costs by three or four. For a million-dollar film set these considerations count. Finally, I would like to add that the film set was entirely dismantled and the landscape became what it was again.

•What did you precisely have in mind as regards to the film set?

In the book, the abbey is a composite, a gathering of quotes of existing buildings: Dante Ferretti and myself endeavoured to find this peculiarity. We had then to draw inspiration from Montmajour - a place that greatly influenced Eco, with its tower overriding a Roman church and a cemetery nearby.

However, the model of the octagonal tower, with identical turrets on each corner was found in Castel del Monte, near Ban in Southern Italy, the only difference being is that the tower is actually neither so big nor so threatening as in the book.

To sum up, in the film set there are memories of Montmajour, of a Cistercian church called Fossa Nova in the South of Rome, a little bit of Mount Saint Michel, a big part of Sagra di San Michele, the mists of San Leo and the tower of Castel del Monte.

• Anything else?

The church gate is an exact replica to the one at Moissac that an assistant had photographed from every angle and that Dante got sculpted. When Eco came to visit the film set with a friend, who was an historian, they found the mistake: there were only 22 old men on the gate instead of the 24 of the Apocalypse… In as much to say that the two missing old men were added very quickly!

•Did you give any special guidelines to D.Ferretti?

I made him buy some books from the Pierre-qui-Vire monks' Zodiac collection (it is a regular publication about all Roman churches in the world) so that it would help him to join historic reality to his poetic mind. Since he is a man of talent and great taste, I completely trusted him. Afterwards, we asked geometers to come and draw up a model of the place, I showed Dante the sketches I had drawn from the book and I suggested a setting up... And that was all. Dante came back with a plan and a 3-meter-based model that I felt truly satisfied with.

•How long did the construction last?

It took six months, from the 22nd June 1985 to the end of December 1985, with a team of 200 people on a five-and-half hectare site.

•What were the first steps?

We began with a road and a car park. Then, we brought water, electricity and a telephone and that's when the real problems began.

•What kind of problems?

There were huge technical difficulties to mould stone blocks of which some were 1.5 by 3m. We also had problems to fake different kinds of erosion. The plaster figures and other stone or terracotta elements were attached to tubular structures hired at an exorbitant price - which explains why the film set was quickly destroyed, whatever the environmentalists' pressure. Afterwards, we had to keep in mind Eberbach's references where most of the interior filming had been shot. All the buildings for the lays, the pigsty and the cowshed also had to be built and even the peasants' huts hanging to the cliff had to be created.

It is quite simple really, some kind of genius was required to build that film set in just six months.

Bud S506
08-10-2006, 02:36
è semplicemente fantastico quando fa la descrizione del cavallo scappato senza averlo mai visto, ma semplicemente notando i particolari lungo la strada e sui i cespugli che la costeggiano.


E' il metodo deduttivo reso celebre da Sherlock Holmes... :)

Rastaman Vibration
08-10-2006, 02:38
deve essere la zona della provincia di Cuneo allora
ma allora tenete conto che la Contea di Nizza era considerata Italia

più che cuneo è facile sia dalle parti di novi ligure in prov di alessandria

malafemmina
08-10-2006, 03:46
Odio il Nome della Rosa

l'ho sempre considerato un'ostentazione del sapere dello scrittore

Pagine e pagine di ripetute acrobazie letterarie e un infinità di vocaboli che per il 90% dei lettori di quegli anni erano del tutto sconosciuti

un mio vecchio professore di lettere diceva sempre che se si vuole leggere il nome della rosa bisogna procurarsi un buon vocabolario e sopratutto una buona dose di autostima

Sorex poliphonicus
08-10-2006, 05:04
umberto eco, come pupi avati, sono dei bravi "dilettanti" clarinettisti di jazza nello stile di new orleans, anni '20-'30 (dixieland, chicago, stomp, new orleans, etc...)

gregs
08-10-2006, 09:14
Il film non mi ha entusiasmato
il libro è semplicemente FA-VO-LO-SO
ed Umberto Eco è un dottissimo genio

ti consiglio di leggere il libro

gregs
08-10-2006, 09:17
Odio il Nome della Rosa

l'ho sempre considerato un'ostentazione del sapere dello scrittore

Pagine e pagine di ripetute acrobazie letterarie e un infinità di vocaboli che per il 90% dei lettori di quegli anni erano del tutto sconosciuti

un mio vecchio professore di lettere diceva sempre che se si vuole leggere il nome della rosa bisogna procurarsi un buon vocabolario e sopratutto una buona dose di autostima

La mia prof. di Lettere, santa Donna, c'assegnava mensilmente un libro da leggere, composto mediamente da 200-300 pagine... e non c'era possibilità di scampo poiché ad inizio del mese successivo si svolgeva una prova scritta che verteva sul libro appena letto.
All'inizio era una cosa nojosissima; poi iniziò ad appassionarmi; poi ne recepii l'utilità quando iniziai a fare i classici temi d'Italiano (dove i Distinto e gli Ottimo fioccavano), infine decisi di santificare la donna :D
Severa, scrupolosa, attenta, autoritaria... ma devo moltissimo a lei, se ora so scrivere ed esprimermi in un certo modo ;)

gregs
08-10-2006, 09:19
Il prossimo da leggere:
Il pendolo di Foucault

MrLuden
08-10-2006, 11:22
:rolleyes:

megamostro
08-10-2006, 13:23
stavolta meglio il film...
non foss'altro x la presenza di Sean Connery...:sbav: :sbav: :sbav:

gregs
08-10-2006, 14:31
:rolleyes:

oltre alla faccetta da imbecille :D , sai dire anche qualche cosa??? ;)

gregs
08-10-2006, 14:33
eh, Megamostro Megamostro... :D

Dici che è più bello il film?

Ma non è meglio il libro? Leggendo, crei situazioni differenti ed a tua immagine... Io, ad esempio, il cardinale de Poggetto me l'ero immaginato grasso e barbuto... poi lessi la biografia, capii che era un giovinotto... e visto il film, m'è crollato un mito! ;)

megamostro
08-10-2006, 14:42
purtroppo credo di non aver superato mai la 60esima pag e l'ho letto 20 anni fa, forse di + (insomma quando è uscito...)

come ho sempre detto x apprezzare libro e film, bisogna considerarli 2 cose separate... altrimenti in ogni caso si rimarrà delusi...

gregs
08-10-2006, 15:08
e ccc'hai raggione perché il film non m'é proprio piaciuto